World Arts / Art News

L’arte viene prima del calcio

Llegeix-lo en català

Un progetto da oltre quaranta opere di arte pubblica

Doha. Quaranta sculture di artisti qatarioti e internazionali spunteranno in tutta Doha nel corso del prossimo anno per un grande programma di arte pubblica che precede la Coppa del Mondo di calcio che si terrà in 5 città del Qatar dal 21 novembre al 18 dicembre 2022. Il programma «museo all’aperto» è supervisionato da Sheikha Al Mayassa bint Hamad bin Khalifa Al Thani, presidente dell’ente statale Qatar Museums. Il budget per il nuovo programma di arte pubblica non è stato rivelato. Da ora fino all’avvio della Coppa del Mondo, Qatar Museums installerà più di 40 opere d’arte pubblica nuove e appositamente commissionate, rivela un comunicato. Queste opere saranno esposte «in una varietà di spazi pubblici tra cui parchi e aree commerciali, strutture educative e sportive, l’aeroporto internazionale Hamad e le stazioni Q-Rail, così come alcuni stadi che ospiteranno i giochi della Coppa del Mondo». Alcuni pezzi sono stati installati durante l’estate, tra cui «Falcon» (2021) di Tom Claassen al di fuori dell’Hamad International Airport, «Untitled (Trench, Shafts, Pit, Tunnel and Chamber)» (1978) dello statunitense Bruce Nauman fuori dal centro culturale M7 a Msheireb Downtown Doha e «Two Orchids» (2015) di Isa Genzken vicino al Teatro Nazionale. Più tardi quest’anno, «Hahn/Cock» dell’artista tedesca Katharina Fritsch, commissionato di recente e di colore blu brillante, sarà svelato «in una collocazione prominente», dichiarano da Qatar Museums. Altri artisti partecipanti saranno annunciati. Qatar Museums sta costruendo un ambizioso programma di arte pubblica con opere in mostra all’Hamad International Airport di artisti locali e regionali come Mohammed Aljaida, Amal Al Raban e Salman Al Malik. Nel frattempo, le controverse sculture di Damien Hirst che rappresentano un feto in vari stadi di sviluppo, «The Miraculous Journey», sono tornate in mostra nel 2018. Le 14 sculture in bronzo sono state inaugurate nel 2013, ma sono state coperte dopo una protesta sui social media; la ragione ufficiale era che le opere dovevano essere protette durante i lavori di costruzione dell’ospedale. L’iniziativa di Doha rivaleggia con un altro importante progetto di arte pubblica in Medio Oriente, il museo di scultura all’aperto sulla Corniche di Gedda, in Arabia Saudita, che è stato avviato negli anni ’70 e comprende opere di Hans Arp, Henry Moore e Maha Malluh. Nonostante l’impegno in campo culturale, il piccolo Stato ricco di petrolio del Qatar continua a essere sotto accusa per la mancanza di tutela dei diritti dei lavoratori migranti impegnati nella costruzione dei nuovi stadi di calcio. Il Governo del Qatar rivendica l’impegno per la riforma del lavoro nel 2017 e i successivi progressi nel trattamento dei lavoratori

ITA | Versione tratta dall’edizione originale italiana del Giornale
dell’Arte

Il Giornale dell'Arte
Il Giornale dell'Arte è un periodico mensile dedicato al mondo dell'arte pubblicato dalla società editrice torinese Umberto Allemandi S.r.l..
Il primo numero è stato pubblicato nel maggio del 1983, sotto la direzione del fondatore Umberto Allemandi, con l'intento di proporre un prodotto editoriale innovativo nel campo dell'arte.

Aquest lloc web utilitza galetes («cookies») per diferenciar-vos d'altres usuaris i activar diverses funcions d'acord amb la informació i els serveis que El Temps de les Arts us vol oferir, però heu de donar el vostre consentiment per acceptar-les. Més informació

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close